contadores de paginas web Saltar al contenido

Anziani, esclusione digitale e “Linux with it”

Diolinux

Di solito parliamo qui sul blog di un sacco di tecnologia all’avanguardia, ci sono recensioni, suggerimenti, tutorial e molto altro per coloro che vogliono una vita più facile davanti al computer, semplificando così le loro attività quotidiane; ma si scopre che c’è una parte della popolazione che a volte passa inosservata.

È divertente usare questo termine “esclusione digitale”, quando di solito si dice il contrario. Questo argomento è emerso per caso in una conversazione con un mio amico. Siamo entrambi (o eravamo) insegnanti di computer di base per le persone anziane e ciò ci ha permesso di avere una percezione molto diversa del mondo della tecnologia.

Gli anziani hanno sempre avuto problemi ad adattarsi alla “giovane società”, ma col passare del tempo e la tecnologia è diventata una parte intrinseca della nostra vita, le persone che sono nate molto tempo prima che i computer fossero comuni in casa finivano per avere difficoltà a gestire questo tipo di cosa. Dato che questa è una parte sempre più crescente della società, non dovremmo guardarla con più affetto?

Forse hai già catturato qualcuno con “alcuni carnevali” più faticosi a usare uno smartphone o semplicemente non capisci “cos’è Google”, “Facebook” e trovi ancora “magico” come puoi effettuare videochiamate e parlare con i propri cari che vivono lontano. Agli occhi di alcune persone che non sono cresciute con questo mondo, tutto questo apparato tecnologico comune alla maggior parte del pubblico su questo blog sembra letteralmente magico.

Di seguito hai un video del canale “Linus TechTips”, in cui Linus presenta “il mondo Google” a suo nonno di 91 anni e il risultato è molto toccante, sono stato davvero toccato e commosso dal video, guarda:

Come possiamo aiutare a includere queste persone in un mondo che cambia così rapidamente? Linux può aiutare.

Il grosso problema qui è l’indipendenza. Exact, indipendenza. Queste persone spesso finivano per allontanarsi un po ‘dalla tecnologia, per quanto la trovino affascinante, perché avevano difficoltà a comprendere determinati termini e interfacce per usare qualcosa, come ad esempio un’e-mail.

Questo è qualcosa che ho imparato avendo un contatto diretto con persone di quell’età che hanno cercato di imparare in una scuola di formazione (immagina come quelli che non avevano questo slancio). Queste persone non vogliono avere sempre il “nipote” per poter svolgere compiti semplici, come inviare un messaggio a qualcuno, vogliono essere indipendenti e fare ciò che devono fare senza aver bisogno di “supporto”, contrariamente a quanto molte persone pensare.

Pensando alla sicurezza dei dati, agli aggiornamenti e alle applicazioni di sistema, all’installazione di applicazioni, tutto ciò non dovrebbe preoccupare coloro che sono laici e vogliono semplicemente usare la tecnologia, qualcuno che vuole sentirsi più integrato con la società. Il lato tecnico dell’uso di un computer, ad esempio, deve essere completamente astratto, o almeno il più possibile.

A questo proposito, che ci crediate o no, esiste una distribuzione Linux in grado di eseguire questo tipo di lavoro (a parte Android su smartphone) sui computer, che è il Sistema operativo senza fine.

Ha un’interfaccia simile a uno smartphone Android, che è qualcosa a cui probabilmente la maggior parte delle persone è minimamente abituata, basato su Linux il livello di sicurezza per i laici tende ad essere un po ‘più alto, è gratuito e ha molti contenuti disconnesso, ideale per le persone che non hanno pieno accesso a Internet, oltre ad avere applicazioni tradizionali per la comunicazione e la navigazione.

Pazienza e innovazione

A differenza delle persone nate negli ultimi due decenni, in genere le persone anziane tendono ad apprendere e ad apprezzare le cose con più calma, per questo motivo la pazienza è un punto chiave.

Diverse volte ho visto persone dire che guardano solo video su YouTube con la velocità modificata, 1,5, a volte 2 volte la velocità, in quel momento confesso che mi sento più vecchio, sono ancora il tipo a cui piace consumare cose come sono stati prodotti, che non hanno fretta di imparare, io sono il ragazzo a cui piace ascoltare interi album e non singoli. Forse dobbiamo rallentare un po ‘. Se vuoi sapere se hai questo “problema” con una mente accelerata, usa un metodo non scientifico che ho creato, prova a guardare il classico “2001, un’odissea nello spazio”, se ti annoi troppo in fretta, forse è il tuo caso.

Rallentare è anche lo strumento principale che hai quando cerchi di aiutare qualcuno che ha vissuto molto più a lungo di te per conoscere questo mondo “High Tech”, So che non è per tutti, ma devi capire che il semplice fatto di poter inviare un messaggio a un bambino amato tramite WhatsApp può essere una grande vittoria per coloro che sono cresciuti in modo analogo.

La tecnologia ha la funzione di semplificarci la vita, è naturale che cercherà di servire quelli al culmine di questa innovazione, ma è importante non dimenticare chi ci ha fornito le basi di tutto ciò che abbiamo oggi, rendendolo più semplice e accessibile a tutti i livelli possibili.

La sensazione che abbiamo è che viviamo in un momento di “collasso” nella società, che si è già verificato in altri momenti della storia, in cui possiamo separare coloro che comprendono veramente la tecnologia, sanno come usare e sanno come funziona, da quelli che la usano e quelli che stanno ancora cercando di capire come usarlo in 3 gruppi facilmente diversi, chissà, con pazienza, lavoro e innovazione, possiamo rendere la società più egemonica in questo senso.

Questo genere di cose accadrà inevitabilmente (un giorno, chissà …), dopo tutto, i bambini che sono nati dopo il 2010 stanno già crescendo nell’era di Streaming e gli smartphone, quindi, gli anziani del prossimo futuro saranno forse un po ‘più integrati con la tecnologia rispetto a quelli del passato, tuttavia, questo ciclo dovrebbe ancora essere ripetuto, anche se con un “fan di” più grande.

Quindi, stai facendo la tua parte per migliorare questo scenario? Chaves disse:

Riflette.

Al prossimo!