contadores de paginas web Saltar al contenido

Bitcoin ATM “portoghese” può essere installato a New York

Bitcoin ATM "portoghese" può essere installato a New York

Il Consumer Electronic Show potrebbe essere finito, ma ciò non significa che la sua “fine”. Un imprenditore americano e co-fondatore della società Lamassu avrà suscitato l’interesse di diversi investitori nella fiera della tecnologia mostrando un bancomat Bitcoin prodotto in Portogallo.

La notizia è avanzata dal New York Post in un articolo che evidenzia il fatto che potrebbe diventare il primo distributore di valuta virtuale da installare a New York, negli Stati Uniti.

La pubblicazione afferma che l’apparecchiatura, valutata in cinquemila dollari, è progettata e costruita in Portogallo. Sebbene Lamassu non sia portoghese, la società sta effettuando la “prospezione” delle macchine a Porto. Ci sono due fotografie che la società ha condiviso sul processo di produzione e assemblaggio degli sportelli automatici.

Bitcoin ATM finisce per funzionare più come un distributore automatico di strada, in quanto consente agli utenti di acquistare valuta digitale in varie posizioni. Le persone hanno solo bisogno di mettere i soldi nella macchina e l’equivalente Bitcoin verrà trasferito sul portafoglio digitale.

La macchina legge un codice QR, simile a un codice a barre, generato dal telefono cellulare, per conoscere l’indirizzo del portafoglio digitale dell’utente.

Secondo le informazioni disponibili sul sito Web di Lamassu, la macchina può essere installata in territori diversi poiché accetta più di 200 valute diverse da paesi diversi. La macchina può anche essere vista come un modo più semplice per acquisire Bitcoin, invece di estrarre o acquistare attraverso i mercati.

Sia l’imprenditore americano che il proprietario dell’istituto in cui soggiorneranno gli sportelli automatici stanno aspettando che i servizi finanziari di New York si uniscano per scoprire se Bitcoin sarà riconosciuto, regolamentato e autorizzato in città.

Oggi, al mattino presto, il 13 gennaio, ogni Bitcoin valeva quasi 700 euro, secondo i dati di Mt. Gox.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico