contadores de paginas web Saltar al contenido

Samsung ruba la leadership del mercato mobile da Nokia dopo 14 anni

Samsung ruba la leadership del mercato mobile da Nokia dopo 14 anni

Nokia è stata rimossa dalla leadership del mercato mobile nel primo trimestre dell’anno, secondo l’agenzia Reuters, sulla base delle previsioni di un gruppo di analisti, dopo che la società ha rivisto al ribasso la previsione degli utili che ha già abbassato il valore delle azioni e attivare raccomandazioni di “vendita”. Si teme ora che il valutazione del debito si riduce a “spazzatura”.

La prima posizione nella classifica mondiale delle vendite di telefoni cellulari, che Nokia ha detenuto per 14 anni, ora appartiene a Samsung, che per qualche tempo aveva “minacciato” di rubare il regno al produttore finlandese.

Gli analisti stimano che Samsung abbia venduto 88 milioni di unità tra gennaio e marzo 2012, mentre Nokia non supererà gli 83 milioni. I risultati ufficiali saranno comunicati il ​​19 aprile da Nokia e il 27 aprile da Samsung.

Sebbene Nokia fosse già stata superata nel segmento degli smartphone, ha continuato a garantire la leadership globale, grazie alle ottime prestazioni nel mercato dei dispositivi di fascia media e di fascia bassa, che il colosso coreano ha cercato di coprire anche.

Le stime ora rivelate sulle prestazioni comparative dei produttori nei primi tre mesi del 2012 sono avanzate in un momento in cui Nokia sta affrontando la reazione del mercato alla revisione al ribasso delle previsioni rilasciate mercoledì.

Le azioni del produttore hanno registrato il valore più basso degli ultimi 15 anni (con conseguenti raccomandazioni di vendita) e il costo della protezione contro un possibile fallimento della società è quasi triplicato, riferiscono i giornali economici.

Investire nel debito di Nokia è diventato più rischioso rispetto al debito della Spagna e gli esperti avvertono della possibilità di valutazione del debito della compagnia cadrà presto in “immondizia” (“alto rischio”).

Nokia è diventata la più grande azienda produttrice di telefoni cellulari al mondo nel 1998, assumendo la guida di Motorola, ma negli ultimi anni ha avuto difficoltà. L’incapacità di rimanere al di sopra della concorrenza in termini di vendite di dispositivi di fascia alta ha iniziato a riflettersi nella quota di mercato globale, che comprende tutti i tipi di telefoni cellulari venduti nel mondo.

Il finlandese ha adottato diverse strategie di ristrutturazione, tra cui la media partnership con Microsoft per l’area smartphone, che presumibilmente ha già iniziato a dare i suoi frutti. Tuttavia, non sarà del tutto “fuori pericolo”.

Alcuni analisti contattati da Reuters affermano, tuttavia, che mentre la perdita di leadership nel mercato globale è un duro colpo per Nokia, dovrebbe avere un impatto limitato sulla sua strategia di ritorno agli utili.

“Penso che li danneggerà dal punto di vista delle pubbliche relazioni, ma in realtà non cambierà nulla. Alla fine, i problemi rimangono gli stessi, sia che rimangano in cima al tavolo o che passino alla seconda”, ha detto. L’analista di Gartner Carolina Milanes, citata dall’agenzia di stampa internazionale.

Scritto in base al nuovo accordo ortografico

Joana M. Fernandes